Cerimonia con rito greco-bizantino nel convento dei Padri Cappuccini a Cirella

Ecco un altro passaggio fondamentale per me nell'approfondire le tante sfaccettature nel mondo dei matrimoni calabresi: oggi vi racconto la mia prima esperienza in un matrimonio con rito greco-bizantino, esclusivamente diffuso nelle comunità Arbëreshë in Calabria. E come se non bastasse, a coronare questa meravigliosa esperienza, ci hanno pensato Almerindo e Tiziana, dure ragazzi che ho adorato sin da subito per la loro spontanea gentilezza e grande disponibilità nel lasciarsi raccontare attraverso la mia fotografia.

Partiamo dal rito, innanzitutto. Il rito bizantino, detto anche rito "costantinopolitano" o, altrimenti, rito greco-bizantino e conosciuto in Occidente anche con il nome di "rito greco", è il rito liturgico utilizzato (a volte anche in greco antico) da tutte le Chiese ortodosse d'Oriente e da alcune chiese sui iuris di tradizione orientale all'interno della Chiesa cattolica, soprattutto nel passato denominate anche uniati. In Italia il rito bizantino è diffuso nelle storiche comunità albanesi (arbëreshe) d'Abruzzo, Basilicata, Puglia e in particolare di Calabria e Sicilia, dell'Eparchia di Lungro (CS) e dell'Eparchia di Piana degli Albanesi (PA). Ora, cosa cambia rispetto ad un rito cattolico? Nel matrimonio bizantino è previsto il rituale dell'«incoronazione degli sposi», le fedi saranno messe al dito (ripetutamente per tre volte) prima dal sacerdote, poi dai testimoni; così anche per le corone che gli sposi porteranno in testa per buona parte della cerimonia. E come se non fosse sufficiente, la migliore delle opportunità non poteva che essere condita dalla possibilità di "inaugurare" il Convento dei Padri Cappuccini di Cirella. Per la prima volta dalla sua restaurazione, la Curia ha dato la possibilità di potervici celebrare un matrimonio. Perciò, sono sicuro che nel futuro sarà una delle mete indiscusse nella scelta di una bella location nell'alto tirreno cosentino. Poi dritti su uno dei promontori più belli d'Italia, lì dove è possibile ammirare la meravigliosa isola di Cirella, che pare voglia fare da cornice in uno scenario incantato, sempre più apprezzato anche dalle numerose coppie internazionali che scelgono questa parte d'Italia per sposarsi. In ultimo, invece, il Tartana, una delle storiche strutture destinate al wedding in Calabria, che si propone in tutta la sua eleganza, con un paesaggio da fare invidia a tutte le location più celebrate d'Italia.

Vi lascio alle immagini di questo matrimonio bello e particolare.

20 visualizzazioni

Home   |   Chi sono   |   Matrimoni   |   Editing per Fotografi   |   Blog   |   FAQs   |   Contattami

  • Facebook
  • Instagram
  • Nero Twitter Icon

gisko.net / gisko.info © 2020

Viale Giovanni XXIII, 28 - Sant'Elia di Pentone - Catanzaro | giovanni.scozzafava@gmail.com | 3408022437